Collezione Peggy Guggenheim

Museo Peggy Guggenheim - Venezia

Storia e descrizione

La Collezione Peggy Guggenheim di Venezia è il più visitato museo della città lagunare dopo Palazzo Ducale ed è uno dei più importanti musei italiani sull’arte europea ed americana del Novecento.

Ha sede presso Palazzo Venier dei Leoni, sul Canal Grande, un edificio dalla splendida facciata classica la cui costruzione era iniziata nel 1748 su progetto dell’architetto Lorenzo Boschetti e rimasto a tutt’oggi incompiuto.

Il palazzo era la dimora privata di Peggy Guggenheim (1898–1979), ex moglie del celebre artista surrealista Max Ernst e nipote del magnate Solomon R. Guggenheim nonché grande appassionata e collezionista d’arte.

Ospita dal 1980 la sua ricca collezione personale, donata alla sua morte alla Fondazione Solomon R. Guggenheim che gestisce, tra gli altri, anche il famoso museo Guggenheim di New York e quello di Bilbao.

Tra le opere più importanti della collezione ricordiamo: L’impero della luce di René Magritte, La donna luna e Alchimia di Jackson Pollock, Il clarinetto di George Braques, La nascita dei desideri liquidi di Salvador Dalí, Sulla spiaggia di Pablo Picasso, Materia di Umberto Boccioni, Paesaggio con macchie rosse no 2 e Verso l’alto di Vasily Kandinsky, Donna seduta II di Joan Miró, Scatola in una valigia di Marcel Duchamp, Il giardino magico di Paul Klee, Il bacio e  La vestizione della sposa di Max Ernst, Uomini in città di Fernand Léger, La nostalgia del poeta di Giorgio de Chirico, La pioggia di March Chagall, Composizione n. 1 con grigio e rosso di Piet Mondrian.

Nel 2012 il museo si è poi arricchito della prestigiosa Collezione Hannelore e Rudolph Schulhof, due facoltosi coniugi statunitensi che hanno donato alla collezione Guggenheim ben 83 opere di importanti artisti contemporanei quali ad esempio Andy Warhol, Cy Twombly, Sol LeWitt, Lucio Fontana, Anish Kapoor, Alberto Burri, Alexander Calder, Claes Oldenburg, Jasper Johns e Mark Rothko.

Il museo ospita inoltre il Giardino delle sculture Nasher e numerose mostre temporanee.

Indirizzo e mappa

Collezione Peggy Guggenheim – Palazzo Venier dei Leoni – Dorsoduro 701 – I-30123 Venezia (VE), Italy

Contatti

Collezione Peggy Guggenheim

Informazioni generali
Telefono: +39 041 240 5411
Fax: +39 041 520 6885
Email: info@guggenheim-venice.it

Servizi per il pubblico
Telefono: +39 041 240 5440 / +39 041 240 5419
Fax: +39 041 520 6885
Email: visitorinfo@guggenheim-venice.it

Direttrice: Karole P.B. Vail

Orari di apertura

Tutti i giorni: ore 10.00 – 18.00

La biglietteria chiude alle 17.30

Chiusura settimanale: martedì
Altri giorni di chiusura: 25 dicembre

Prezzi

Biglietto intero: € 15,00

Biglietto ridotto: € 13,00 (per le persone con più di 65 anni e tutte le categorie di visitatori indicati qui)

Biglietto ridotto: € 9,00 (per gli studenti fino a 25 anni e tutte le categorie di visitatori indicati qui)

Biglietto gratuito: (per i bambini fino a 10 anni, i soci e e tutte le categorie di visitatori indicati qui)

Ingresso gratuito

Per ogni giovedì che va dal 21 settembre 2018 al 27 gennaio 2020 è previsto l’ingresso gratuito anche per tutti i residenti dei comuni della Città metropolitana di Venezia. Ovviamente occorre avere con sé un documento di identità.

Visite guidate

Queste delle visite guidate alla Collezione Peggy Guggenheim offerte da GetYourGuide, un portale che offre tour e altri tipi di attività a Venezia come pure nel resto d’Italia e del mondo:

Mostre ed eventi

Mostre in corso

Peggy Guggenheim. L’ultima Dogaressa – 1949: quando l’arte moderna trovò casa a Venezia
21 settembre 2019 – 27 gennaio 2020
A cura di Karole P. B. Vail, con Gražina Subelytė

Prossime mostre

Migrating Objects
15 febbraio – 15 giugno 2020

Libri, cataloghi e guide


Peggy Guggenheim
Una donna, una collezione, Venezia

di Paolo Barozzi
Editore: Campanotto
Collana: Zeta rifili

 

Hotel vicini

» Scopri i migliori hotel, b&b e appartamenti situati vicino il museo Guggenheim presenti su Booking.com oppure consulta la mappa completa con tutte le strutture di Venezia e dintorni.